13ª EDIZIONE  25 | 26 | 27 | 28  APRILE 2024

Il coraggio di germogliare: natura in festa

Durante i quattro giorni di FloraCult ogni anno si seminano idee, relazioni e sollecitazioni, grazie agli incontri di persone anche molto diverse tra loro per settori di studio e interessi, accomunate però sempre dal rispetto della natura. Coltivatori insieme ad artigiani, ricercatori che dialogano con scrittori, famiglie e passanti curiosi accanto ad esperti collezionisti di piante.
“Felice”, felix, nel suo significato originario vuol dire “fertile”. Organizzare FloraCult per noi significa concentrare insieme semi e terreni fertili e quindi “felici”: tanti semi in festa che “infestano” la fiera, convinti come siamo che è da essi che germoglia il senso di appartenenza e, quindi, il coraggio e la responsabilità collettiva al cambiamento.
La riflessione di FloraCult non può prescindere dal giardino e dalla cura che i vivaisti ogni anno dedicano alla ricerca attenta di proposte insolite, nuovi semi e nuovi germogli: non solo sfide estetiche ma etiche, che guardano alla nostra interazione con le piante e ai mutui scambi del nostro co-abitare.

PROGRAMMA

EVENTI E PRESENTAZIONI

Giovedì 25 aprile

ore 11.00
L’Ambiente siamo noi, L’Ambiente sei TU!

Maria Siclari, direttrice di ISPRA – Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, patrocinio scientifico di questa edizione di FloraCult – aprirà la manifestazione con un talk interattivo alla scoperta delle persone e delle azioni compiute ogni giorno dall’Istituto per conoscere e proteggere l’ambiente. Con lei i dirigenti ISPRA Maria Lettieri, Responsabile Servizio per la Geologia strutturale e marina, il rilevamento e la cartografia geologica, e Michele Munafò, Responsabile Servizio per il sistema informativo nazionale ambientale, racconteranno due progetti di eccellenza scientifica: il Progetto CARG – Cartografia geologica e geotematica e L’ EcoAtl@nte. Un vero e proprio “viaggio nell’Ambiente” tra i dati consultabili per qualsiasi parte del territorio nazionale, mappe interattive navigabili, cartografie di dettaglio, modelli geologici 3D e storie vere di persone che sono al lavoro ogni giorno per il nostro territorio.
Modera l’incontro Chiara Bolognini, responsabile della comunicazione presso la Direzione generale di ISPRA.

ore 12.30
Tecnologie e consumi sostenibili
La sostenibilità delle imprese e l’impegno a realizzare soluzioni e prodotti che rispettino l’ambiente e le persone; le scelte di acquisto consapevoli e responsabili dei consumatori che indirizzano l’economia verso la sostenibilità. Ne parleranno il 25 aprile alle 12.30 Leonardo Becchetti, Economista, Presidente Comitato Scientifico NeXt Nuova Economia X Tutti e co-fondatore di Next Nuova Economia X Tutti e di Gioosto e Ilaria Catastini, Head of Sustainability del Gruppo MAIRE e Direttore generale della Fondazione MAIRE.

ore 16.00
La tavola pitagorica
Il Professore Piergiorgio Odifreddi, matematico, accademico e divulgatore scientifico conosciuto e apprezzato per le sue pubblicazioni che riguardano non solo la matematica, ma anche la scienza, la filosofia e la società, presenterà il primo dei suoi due interventi per questa edizione di FloraCult, incentrato sulla stretta relazione tra natura e matematica. La matematica di trova dovunque, anche sulla tavola dove mangiamo. Odifreddi mostrerà al pubblico di FloraCult la geometria nascosta nelle arance, nei salami e nei grissini, ma anche nei semi delle mele e dei girasoli, nelle strutture frattali dei broccoli e dei cavolfiori.

Venerdì 26 aprile

ore 10.30
Guida alla via Francigena da Sutri a Roma attraverso il Parco di Veio
Il Commissario Straordinario dell’Ente Parco Regionale di Veio Giorgio Polesi presenterà alle autorità e ai visitatori presenti alla manifestazione Floracult 2024 la nuova Guida alla via Francigena da Sutri a Roma attraverso il Parco di Veio, realizzata a cura di Stefano Ardito ed edita anche in lingua inglese (Guide to the via Francigena from Sutri to Rome through the Parco di Veio).
In vista dell’Anno Santo 2025, il volume rappresenta uno strumento fondamentale per i fruitori del cammino, che potranno così conoscere, comprendere e ammirare i meravigliosi paesaggi che da Sutri conducono a Roma attraverso il grande polmone verde costituito dal Parco di Veio, del quale la via Francigena costituisce la spina dorsale della sua fitta rete sentieristica.

ore 12.30
Il dubbio e il desiderio. Eva Mameli Calvino
Silvia Bencivelli, giornalista scientifica, scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva per Rai Radio3 e RaiCultura, racconterà la storia di Eva Mameli Calvino, botanica e scienziata autorevole e prolifica, nonché madre del famoso scrittore Italo. Con lei, Carlo Massarini, giornalista musicale e appassionato di giardini. Eva Mameli Calvino è stata un personaggio complesso e fuori dall’ordinario, donna scienziata in tempi in cui le donne non avevano facile accesso alla scienza: ha coltivato la prima pianta di avocado in Italia, pubblicato una lunga serie di articoli scientifici, ha elargito consigli ai pollici verdi d’Italia e si è fatta un orto botanico nel giardino di casa. Oggi, al posto di quell’orto botanico, c’è un ampio parcheggio.

ore 16.00
Greensecrets: vivaisti esperti del mestiere
Elisabetta Margheriti, vivaista esperta e appassionata, incontrerà i vivaisti presenti quest’anno per parlare delle nuove tendenze del giardino, nell’appuntamento divenuto ricorrente per il pubblico di FloraCult Greensecrets: vivaisti esperti del mestiere.

Sabato 27 aprile

ore 11.00
Verde come l’Italia. Cento anni di storia del nostro Paese attraverso i cambiamenti della natura
Gianumberto Accinelli, entomologo, divulgatore e scrittore, verrà intervistato dalla giornalista scientifica e scrittrice Silvia Bencivelli per raccontare al pubblico di FloraCult il suo ultimo libro “Verde come l’Italia – Cento anni di storia del nostro Paese attraverso i cambiamenti della natura”. Il nostro Bel Paese e le sue trasformazioni nell’arco di un secolo di storia, letti stavolta non attraverso la lente politica cui siamo abituati, bensì con quella naturalistica, in una prospettiva che ne evidenzia trasformazioni e bellezze, e pone l’accento sull’importanza delle pratiche sostenibili e sul potere trasformativo dei sogni.

ore 16.00
Gli ultimi ghiacci
Francesco Sauro, geologo ed esploratore del mondo sotterraneo, presidente dell’Associazione La Venta, ci racconterà dei ghiacciai delle Alpi e della Groenlandia attraverso una visione che va oltre la superficie. Nella luce blu del ventre del ghiaccio potremo ammirare quanta bellezza stiamo purtroppo perdendo per le future generazioni a causa del riscaldamento globale. Un racconto che verrà accompagnato dalle immagini del documentario sul ghiacciaio del Gorner in Svizzera Gli ultimi ghiacci, realizzato insieme con l’amico astronauta Luca Parmitano. I registi e autori del documentario, Marco Visalberghi e Sherin Salvetti, saranno presenti per condividere con il pubblico il processo di realizzazione dell’opera. L’astronauta Luca Parmitano si unirà virtualmente a FloraCult dall’hub spaziale di Houston negli Stati Uniti tramite un video-messaggio espressamente dedicato al pubblico della manifestazione.

Domenica 28 aprile

ore 10.30
Rachel dei Pettirossi – Primavera silenziosa: Rachel Carson e un nuovo inizio per la cultura ecologica
In occasione del 60esimo anniversario dalla scomparsa di Rachel Carson (14 aprile 1964) – biologa e zoologa statunitense che ha cambiato la storia dell’ambientalismo con il pionieristico libro Primavera silenziosa – Danilo Selvaggi, Direttore generale della Lipu-BirdLife Italia, laureato in filosofia ed esperto di politiche ambientali e cultura ecologica, presenterà a FloraCult il suo saggio Rachel dei Pettirossi. Primavera silenziosa, Rachel Carson e un nuovo inizio per la cultura ecologica. Il libro ricostruisce la straordinaria storia di Carson e la genesi di questo testo, ancora oggi di grande rilevanza e attualità. Si confronterà con Annalisa Corrado, ingegnera meccanica ed ecologista, responsabile delle attività tecniche dell’associazione Kyoto Club e co-ideatrice del progetto #GreenHeroes, nato per promuovere le esperienze virtuose legate al mondo della sostenibilità, e con Ermete Realacci, storico ambientalista e deputato, presidente onorario di Legambiente e di Symbola, la Fondazione per le qualità italiane da lui promossa e presieduta.

ore 12.00
Seminare parole: dal sema al seme
Piergiorgio Odifreddi, matematico, accademico e divulgatore scientifico, presenterà il suo secondo intervento per FloraCult a dialogo con la scrittrice, poeta e attrice Ilaria Maria d’Urbano, incentrato sulla relazione tra matematica e poesia. La matematica si trova dovunque, anche nella poesia.

ore 16.00
“OnlyOne” la Campagna Internazionale di Marevivo per sfidare la crisi climatica.
Valerio Rossi Albertini, fisico, ricercatore del CNR, divulgatore e membro del Comitato Scientifico di Marevivo, illustrerà i dettagli della campagna lanciata da Marevivo, Marina Militare e Fondazione Dohrn, che mira a sensibilizzare cittadini e istituzioni sull’urgenza di attuare la transizione ecologica trattando quattro temi principali: la difesa della biodiversità, la transizione energetica, la transizione alimentare e l’economia circolare. “OnlyOne” prevede incontri e conferenze e una mostra itinerante ospitata a bordo delle navi scuola Palinuro e Amerigo Vespucci in giro per il mondo. La Campagna vede, inoltre, il coinvolgimento delle Direzioni Marittime della Guardia Costiera, del CONISMA (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare) e la Rete delle Università Sostenibili.

EVENTI PERMANENTI

Metamorfosi Vegetali
Mostra fotografica di Patrizia Savarese – Sala Polivalente, Area conferenze
La fotografa Patrizia Savarese, con un’esperienza professionale di quarantatré anni che abbraccia sia l’era analogica sia quella digitale, sperimenta ora per le sue ricerche artistiche le applicazioni “Text-to-image” dell’Intelligenza Artificiale. Per Floracult presenta alcune sintografie di immagini femminili in metamorfosi con piante e fiori. Le creazioni saranno esposte nella Sala Polivalente, sia nella forma classica di quadri murali sia nella forma di cartonati a grandezza naturale presenti tra il pubblico, per ricordare come la tecnologia e le immagini generate dalle IA siano ormai realtà e siedano costante-mente accanto a noi.

BMW – Sala Polivalente
La gamma elettrica del BMW Group si espande.
I visitatori di Floracult potranno scoprire i modelli a propulsione puramente elettrica a marchio BMW (iX1, iX2,i5 e iX) e MINI Countryman che rispondono alle esigenze di mobilità a zero emissioni locali di tutte le tipologie di clienti, offrendo la soluzione ideale per la mobilità in ambito urbano, per le famiglie in cerca di veicoli funzionali e versatili, per chi ama la sportività o desidera un’ammiraglia.

L’Ikebana Sogetsu incontra l’India
Mostra di Ikebana della scuola Sogetsu e vasi made in India – Stalle dei Casali del Pino Composizioni della maestra Lucia Pierelli e ceramiche di: Aarti Manik, Michel Hutin, Supriya Menon Meneghetti, Indrani Singh Cassime, Priya Sundaravalli, Stella Gallas.
“L’ikebana Sogetsu può essere praticato ovunque, con qualsiasi materiale, da chiunque ed in qualsiasi momento”, questo il principio rivoluzionario che ha ispirato Sofu Teshigahara il fondatore della scuola di Ikebana Sogetsu.. La mostra – L’Ikebana Sogetsu incontra l’India – si compone di 9 composizioni floreali, ideate e create dall’artista e maestra Lucia Pierelli, che con la sua personalità, il suo stile e la esperienza ha saputo dare forma ed armonia a queste composizioni di fiori viventi.
I particolari vasi scelti sono una selezione che l’artista Stella Gallas a potuto fare, quest’anno, soggiornando in India, dove è entrata in contatto con diversi ceramisti residenti a Auroville e a Pondicherry.

Archeologia Inventata:
Casali del Pino, Insediamenti ed Immaginari tra Etruschi, Romani e Contemporaneità
Mostra di Bruno Cipriani
Archeologia inventata è un progetto artistico che usa come Medium Espressivo la ceramica. Il progetto si inserisce in ambienti e paesaggi cari- chi di vissuto, ricerca le forme ed espressioni di questi per restituirli alla contemporaneità. Il progetto è composto da un gruppo di sculture che si relazionano con la campagna romana, tra echi di antichi e usi contemporanei. Dislocato tra gli spazi di FloraCult, elabora delle rovine contemporanee, frutto di sintesi del patrimonio espressivo dei luoghi. A poca distanza dai Casali, infatti, nel parco archeologico di Veio sono state ritrovate più di 2000 statue ex voto lasciate in epoca etrusca per il favore degli dei. Se oggi dovessimo chiedere qualcosa a queste divinità, quali sarebbero le cose a noi più care cui fare riferimento? 

Pixel Farm: il coraggio di coltivare in città
Installazione di Matteo Benvenuti,
Vertical Farm Italia – Sala Polivalente, Green Bar
Nell’anno il cui Floracult ha come tema il coraggio di germogliare Vertical Farm Italia ha voluto creare un’installazione che rappresentasse, attraverso una delicata innovazione tecnologica, un nuovo modo di riconnettersi con la natura in ambiente urbano, in grado di far nascere (germogliare, per l’appunto) un nuovo stile di vita.
Pixel Farm è una piccola vertical farm modulare, perfettamente funzionante, in grado di produrre cibo per soddisfare il fabbisogno di verdure di una famiglia e di migliorare la qualità delle nostre abitazioni.
Durante i giorni della manifestazione.

Dati, persone, azioni: viaggio al cuore dell’Ambiente Uno spazio “vivo” con una duplice mostra
permanente per conoscere le attività di ISPRA l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca
ambientale
Che cosa fa ISPRA, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale?
Basterà entrare nello spazio appositamente allestito a FloraCult per farsi subito un’idea delle attività che riguardano l’Ambiente a 360°.
I visitatori potranno muoversi tra pannelli espostivi dove troveranno carte geologiche, dati sui temi ambientali emergenti, storie per immagini di geologi al lavoro.
In un colpo solo capiranno a che cosa serve in concreto la Ricerca, perché sono fondamentali i dati scientifici e che tipo di lavoro c’è dietro alla creazione di carte geologiche fondamentali per conoscere e proteggere il nostro territorio.
In più potranno parlare direttamente con i ricercatori ISPRA, viaggiare nell’EcoAtl@nte usando semplicemente il proprio smartphone e, magari, scoprire che cosa c’entrano gli hula hoop con l’economia circolare.

  • Mostra EcoAtl@nte, viaggio nell’Ambiente.
  • Mostra Progetto CARG – Geologi in presa diretta, come nasce una carta geologica.
  • Campagna di comunicazione Ambiente e vita reale, dallo slogan al dato scientifico che si fa azione concreta.

La stanza della biodiversità

Natura Curiosa: colori e forme infinite, perfette! La biodiversità ci regala stupore alla vista. A FloraCult 2024 ne troverete un assaggio nello spazio a cura di Alessandro Rosati. 

Nella stanza della biodiversità troverete anche gli aquari artistici giapponesi di Aqua Domina, che uniscono la cultura dei bonsai a quella degli acquari, realizzando paesaggi che si osservano in natura nelle grandi foreste, nei laghi e nei fiumi o nelle barriere coralline marine, riportandole all’interno del vetro. Lo spazio è suddiviso in tre macroaree: giardini acquatici di laghi e fiumi, giardini acquatici marini di anemoni e coralli e giardini tropicali terresti fluviali, a rappresentazione dell’espressione d’arte della natura nelle tre sue forme principali. Un’esperienza comunicativa ed emozionale per i visitatori di FloraCult.

Sala cinema

Negli spazi suggestivi delle rimesse dei Casali del Pino una sala cinema appositamente allestita per accogliere gli spettatori in un ambiente coinvolgente ed educativo, dove scoprire il documentario Gli Ultimi Ghiacci. I registi e autori, Marco Visalberghi e Sherin Salvetti, e i protagonisti del documentario, Francesco Sauro e Luca Parmitano, saranno presenti sabato 27 aprile a FloraCult per presentare il film.

“Geminus”
Live Painting Performance di MANI
L’arte sta all’uomo come la creazione sta alla natura. “Geminus”, performance di Lorena Tiberi, artista romana nota come MANI, consiste nella creazione di una grande tela interposta tra due pini secolari la cui cornice crea una grande finestra. Mani da sempre indaga, attraverso le sue Performance la possibilità del linguaggio espressivo come traduzione sulla materia delle circostanze e le interazioni naturali tra le persone e l’ambiente circostante. Essendo ogni momento presente una creazione, così come un seme germoglia e prende la luce uscendo dalla sua terra, un dipinto germoglia prendendo come sua luce lo scambio con l’ambiente e le sue energie.

Installazione di Mascartone

Vincenzo Cardenia, artista e artigiano noto come Mascartone, allestirà un albero per FloraCult, creato riciclando tubi di cartone e carta. Un’opera ecologica che trasforma materiali di scarto per sensibilizzare sul tema della sostenibilità ambientale. Nel suo spazio si potranno ammirare anche altre opere di riciclo con la cartapesta.

LABORATORI E LEZIONI

Insetti impollinatori e biodiversità:
un binomio fondamentale per noi e il pianeta.
La cooperativa sociale Le mille e una notte, in collaborazione con il Parco di Veio, presenta un laboratorio naturalistico che saprà avvicinare grandi e piccini a quegli animali invertebrati a sei zampe e muniti di ali che hanno saputo colonizzare il mondo al di fuori del mare.
Impollinatori diversi e utili: farfalle, api, vespe, libellule, spesso minacciati dal comportamento degli esseri umani, con il rischio tangibile di perdita di biodiversità.

Laboratorio di feltro ad acqua e ad ago adatto a tutte le età per creare manufatti ispirati al mondo vegetale, come funghi, foglie, fiori e
fruttini ma anche insetti come api, scarabei, coccinelle e libellule. Partendo dalla lana cardata lavorata a mano con acqua e sapone o con uno speciale ago da infeltrimento, ciascuno potrà scegliere il tema su cui essere guidata dalle mani di esperte maestre feltraie.
A cura di Diana Biscaioli.

Lipu Roma svolgerà presso il proprio stand laboratori didattici per bambini alla scoperta della biodiversità urbana.

Atelier Fantastico
I colori della primavera sul corpo e sul viso: decorazioni, tattoo, gioielli, copricapi e trucco per bimbi e adulti, henna. Animazione artistica con face e body art a FloraCult con l’Associazione Culturale Artistica Atelier.

Laboratorio di disegno e pittura naturalistica per bambini e ragazzi a cura dell’Aipan, associazione italiana per l’arte naturalistica

Hobby Horse 
L’ hobby horsing è una disciplina ludico-sportiva diffusa nel nord Europa che consiste nel saltare ostacoli cavalcando un manico di legno con colorate teste di cavallo. L’attività, proposta da Hobby Horsing Italia, ha carattere sociale e aggregativo divertente e stimolante. Nello stesso spazio è presente anche un’area didattica e dimostrativa con i pony a cura di Pony Club L’Olivum. 

Mastro Valerius, le mani nella terra. Libero invito al divertimento e alla sperimentazione con l’argilla.

 

Per ogni Laboratorio rivolgersi al Banco delle Informazioni